Che cos'è il roaming?

Che cos’è il roaming?

Che cos’è il roaming internazionale

Ritorniamo proprio su questo punto. Spesso avrete sentito nominare la definizione di “roaming internazionale”, ma siete sicuri di sapere di che cosa si tratta esattamente? La parola roaming, dall’inglese, significa letteralmente “vagare”, “vagabondare” e se pensate a come le singole reti mobili seguono i propri clienti ovunque si trovino nel mondo non farete fatica a comprendere il concetto.

Il proprio operatore telefonico fornisce la copertura al cliente anche oltre i confini di competenza e questo avviene grazie a particolari accordi tra partner. Questo passaggio di dati e di traffico, però, ha un suo costo ed è per questo motivo che il roaming internazionale ha un costo maggiore. Detto questo, il roaming può essere in entrata e in uscita.

Roaming in uscita e roaming in entrata

Il roaming in uscita è quello classico ed è quello che riguarda le chiamate che inoltriamo quando siamo all’estero con il nostro telefono. Il roaming in entrata riguarda invece le chiamate ricevute dall’Italia. In questo caso, le telefonate sono pagate non solo da chi le effettua ma anche da chi le riceve in base alla tratta di distanza. È bene dire, però, che questo aspetto è facilmente aggirabile optando per una delle tante tariffe che la maggior parte dei gestori telefonici nazionali consentono di attivare per pochi quando siamo all’estero.

Roaming e commissione europea

Ed è proprio questo l’aspetto su cui la Commissione Europea si è espressa, nel tentativo di regolare le tariffe per avvantaggiare i consumatori con un’Eurotariffa valida su tutto il territorio europeo per tutti. Già nel 2014 le nuove tariffe sono state regolamentate, mentre lo scorso anno è stato raggiunto l’accordo per abolire i costi roaming entro il 2017. Prima di questo passaggio, però, a partire dal 1 maggio 2016 è entrata in vigore una nuova riduzione dei costi. Ecco allora quali sono le novità in merito.

Per quel che riguarda il traffico Internet, che proviene sia da smartphone, sia da tablet, si passa da 20 cent a MB a 5 centesimi a MB, iva esclusa. Per le chiamate, invece, il costo in uscita passa da 19 cent al minuto a 5 cent al minuto, mentre per le chiamate in entrata si passa dal 5 a 1,4 centesimi al minuto. Infine, il costo degli sms si abbassa da 6 a 2 cent.

Comparando i costi ne emerge un effettivo vantaggio per tutti i cittadini comunitari, con un risparmio che supera il 50%. Dal 15 giugno del 2017 i costi verranno del tutto abbattuti e non esisterà più la differenza del prezzo che esiste per il roaming in Europa.

Un’altra valutazione senza dubbio positiva è quella che riguarda un tetto massimo per tutto il traffico, pari a 50 euro, oltre il quale il gestore bloccherebbe qualsiasi altro addebito. In questo modo si eviterebbero bollette stratosferiche e credito che collassa più o meno all’insaputa dei consumatori, come spesso in passato è successo. I costi del roaming sono validi sono per i paesi dell’euro zona, quindi è sempre bene fare preventivamente i conti in base al paese in cui si vuole viaggiare.

Cosa offrono gli operatori nazionali

Arrivati a questo punto, è bene fare il punto della situazione su quello che i vari operatori nazionali offrono ai propri clienti come alternativa all’Eurotariffa, che ovviamente non è obbligatorio usare. Analizziamo nello specifico le offerte Vodafone, Tim, Wind e Tre.

Vodafone per i suoi clienti offre Vodafone Smart Passport, una tariffa che potete attivare nel momento in cui arrivate in un paese estero e che è valida fino al ritorno a casa. L’offerta costa 3 euro al giorno e comprende al giorno:

  • 25 minuti in entrata
  • 25 minuti in uscita
  • 50 sms
  • 50 MB per navigare in Internet a velocità ridotta

Tim, invece, mette a disposizione TIM in Viaggio Pass, una promozione che si può attivare per 10 giorni al costo di 10 euro e che comprende:

  • 500 minuti di chiamate
  • 500 sms
  • 1 GB per Internet in 4G

Se siete clienti Wind avrete invece a disposizione, al costo di 2 euro al giorno:

  • 15 minuti di chiamate in uscita
  • 15 minuti di chiamate in entrata
  • 15 sms
  • 50 MB di Internet

Infine, per i clienti 3 è disponibile 3 Easy Tariff, una promozione che, in sostituzione a quella vecchia, consente di continuare a utilizzare la propria tariffa a patto che si viaggi verso questi paesi:

  • Austria
  • Danimarca
  • Gran Bretagna
  • Irlanda
  • Svezia

Se invece si viaggia in tutti gli altri paesi, le tariffe sono le seguenti:

  • 23,18 cent al minuto per le chiamate in uscita (con scatto di 30 secondi)
  • 6,10 cent al minuto per le chiamate in entrate (con scatto di 30 secondi)
  • 7,32 cent per gli sms
  • 24,40 cent/ MB per la connessione Internet

Infine, ricordate che tutte le nuove disposizioni in merito alle tariffe roaming si applicano esclusivamente ai paesi membri dell’Unione Europa:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *